RSS

Archivio mensile:dicembre 2013

Avventurieri – Anteprima Razze

Prosegue la stesura della prima versione di Avventurieri GdR, il mio Gioco di Ruolo. Quella che segue è un’anteprima delle razze a disposizione dei giocatori per creare i propri personaggi. In questo modo è possibile approfondire alcune meccaniche di gioco che intendo distaccare dal classico d20. Come sempre sono ben accette critiche e commenti.

elf_by_sandara-d1cmm4p

Elfo

Il popolo degli elfi è uno dei più antichi apparsi nel mondo. La razza elfica ha forti legami con il reame fatato e alcune leggende descrivono gli elfi come diretti discendenti di alcune divinità. Un elfo appare  come un umano alto e slanciato, dai lineamenti delicati con orecchie a punta e occhi a mandorla, carnagione chiara e voce suadente e pacata. Molti elfi possono apparire austeri e distaccati, ma questo è solamente il loro aspetto esteriore. Un elfo stringe forti legami di amicizia e lealtà verso i suoi compagni anche se molti tendono ad un isolazionismo che li porta a discostarsi dalle altre razze. Probabilmente questo è dovuto alla longevità della loro esistenza. Un elfo mediamente raggiunge gli 800 anni di vita e questo condiziona il suo rapporto con le altre creature e razze del mondo. Gli elfi avventurieri sono spesso individui che non condividono questa riluttanza ad interagire con altre razze e per questo si trovano a loro agio con umani, halfling e perfino nani, solitamente scontrosi e indulgenti. La cultura elfica è strettamente radicata con la natura. Le città elfiche sorgono solitamente in secolari foreste. Fin dai tempi antichi gli elfi si sono contrapposti alle forze del male che popolano il mondo. Un elfo ha un’innata propensione per l’uso di archi e armi leggere, oltre che affinità naturali con la magia arcana. La classe preferita di un personaggio elfo è l’esploratore o il mago. I sacerdoti elfi avventurieri sono poco comuni perché raramente abbandonano le comunità alla quale sono legati. Più unici che rari sono gli elfi fuorilegge o streghe anche se alcune leggende narrano le gesta di qualcuno di questi  avventurieri, ma spesso sono considerati come reietti della cultura elfica.

Un personaggio elfo ha i seguenti tratti razziali:

·         Modificatori alle Caratteristiche

Quando un personaggio elfo determina le sue caratteristiche ha un bonus +2 alla Destrezza e all’Intelligenza  e una penalità -2 alla Costituzione.Rispetto alla media un elfo ha un’agilità e un acume intellettuale molto più sviluppato ma ha un fisico più debole.

·         Dado Vita

Per determinare i Punti Ferita un elfo usa un d8 più modificatore Costituzione.

·         Affinità armi elfiche

Quando un personaggio elfo utilizza un arma di fattura elfica ha un bonus +2 al TxC e +1 danni.

·         Resistenza magia arcana

Un personaggio elfo ha sviluppato una naturale resistenza alle magie del sonno. Non subisce gli effetti di incantesimi del Sonno.

·         Visione Crepuscolare

Un personaggio elfo vede con chiarezza in ambienti scarsamente illuminati. Inoltre ha la vista molto più sviluppata rispetto alla media. Può vedere più lontano e con maggiore chiarezza.

·         Agilità elfica

Un personaggio elfo ha una naturale agilità che si traduce in un bonus +2 a tutte le Prove Abilità e i Tiri Salvezza basati sulla Destrezza.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 dicembre 2013 in Giochi di Ruolo

 

Tag:

Avventurieri Gioco di Ruolo – Anteprima dell’Anteprima

Avventurieri è il nome del gioco di ruolo ( e anche di un gioco da tavolo che presto descriverò in un altro post) che sto scrivendo. Il regolamento è frutto di più di 20 anni di gioco ed è basato, pur apportando molte modifiche, sul d20 system. Il regolamento con meccaniche d20 è quello che reputo più congeniale per il mio stile di autore e giocatore. In questo  breve post di presentazione riporto le modifiche più evidenti che sto valutando di applicare al regolamento di Avventurieri:

Punti Ferita e Razza: in sostanza non cambia molto, ma invece che essere determinati dalla classe del personaggio, sono legati alla razza scelta. Un elfo tira un d8, un Halfling un d6, un umano un d10 e un nano un d12. La fase di Playtest servirà a determinare con quanta frequenza bisogna tirare il dado per aumentare i punti ferita. Lo scopo è quello di limitare la crescita esponenziale del numeri di PF.

Punti Esperienza e Livello: 20 livelli sono più che sufficienti per una buona carriera da avventuriero. L’avanzamento dei livelli con apposita tabella di punti esperienza è differenziato. Gli umani avanzano leggermente più velocemente rispetto alle altre razze, perché sono una razza più versatile e capace di adattarsi più facilmente rispetto ad elfi, nani ed Halfling.

Classi: a disposizione dei giocatori ci sono la classe del Guerriero, del Sacerdote, del Mago, del Fuorilegge, dell’Esploratore e del Templare (che riassume il Paladino e il Cavaliere). Ogni classe ha caratteristiche e abilità speciali che possono imparare avanzando di livello. Queste sostituiscono i talenti.

Classe Armatura: l’armatura offre un bonus di protezione ed inoltre ogni armatura ha una robustezza e un numero di punti danno che può assorbire per ogni colpo subito dal personaggio. Esempio pratico…. Un orco infligge con la sua spada 6 danni ad un guerriero umano in armatura di maglia. Questo tipo di armatura ha robustezza 50 e un assorbimento del danno di 5 punti ferita. Dei sei punti inflitti, 5 saranno assorbiti dall’armatura (danni che andranno ad abbassare il punteggio robustezza dell’armatura) e 1 sarà subito dal personaggio. Quando i punti robustezza dell’armatura saranno prossimi allo zero, questa non potrà assorbire più nessun danno e sarà da riparare.

Questi sono i primi punti di differenza dal regolamento standard del d20 system, che sono saltati fuori durante la scrittura del primo capitolo del gioco. Se avete commenti, questi saranno ben accetti. Intanto prosegue la stesura e entro breve  alcune sessioni di playtest per provare come gira il tutto.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 dicembre 2013 in Giochi di Ruolo

 

Tag:

Immagine

Piccoli Cosplay crescono

Piccoli Cosplay crescono

Senza ombra di dubbio il miglior cosplay che ho mai visto…. 🙂

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 dicembre 2013 in Uncategorized

 

Tag:

Ascesa dei Signori delle Rune

ImmagineUn paio di mesi fa abbiamo dato inizio alla campagna di Pathfinder  Ascesa dei Signori delle Rune. L’occasione per iniziare questa serie di avventure è data dalla pubblicazione del volumone per il quinto  anniversario della nascita della linea di prodotti Pathfinder. Il volumone è stato presentato da Giochi Uniti a Lucca Games 2012. In quell’occasione ho preso il volume (purtroppo l’edizione con bollino Lucca 2012 era già esaurita) e mi sono fatto autografare l’avventura da Wayne Reynolds, autore della copertina.

La trama di tutta la saga è abbastanza lineare, con il risveglio di un antico Signore delle Rune dell’era antica dell’ambientazione di Golarion (il mondo di Pathfinder).  Karzoug, questo il nome dell’antagonista principale della saga, ha iniziato a muovere le sue pedine per rafforzare il suo potere e ampliare il suo dominio sul mondo. I primi passi degli avventurieri li portano, ovviamente, a vivere avvenimenti e avventure apparentemente slegati tra di loro, ma che con il proseguo della saga iniziano ad intrecciarsi fino allo scontro finale con il Signore delle Rune. Niente di particolarmente nuovo insomma ma la peculiarità di questa saga consiste nella qualità grafica e dei testi.  Infatti il comparto grafico è notevole e la qualità dei testi (ma non della traduzione italiana  che usa termini e fraseggi che appesantiscono la lettura) è molto buona e di molto superiore a quanto pubblicato dalla Wizard of the Coast per D&D di quegli anni (ricordiamo che stiamo parlando di 5, ormai 6 anni fa).

Il punto di forza degli Adventure Path di Pathfinder, inaugurati con questa saga, consiste nella qualità del prodotto offerto.  Analizzando nel dettaglio del volume anniversario della saga, devo segnalare la scomodità di gestire tutte le pagine che compongono l’avventura. Il volume è corposo e pesante, e il testo fitto e alla lunga poco leggibile. Decisamente più comodi i singoli volumi dell’ adventure path originario. Per quel che riguarda la presentazione grafica all’interno del volume siamo a livelli ancora maggiori alla prima pubblicazione. Alcune tavole sono state sostituite da illustrazioni di qualità superiore e questo è decisamente un aspetto positivo. Alcune delle vecchie illustrazioni presenti sui volumi singoli della saga pur rimanendo di buona qualità, non erano accattivanti come quelle presenti in questa edizione anniversario.Immagine

Sul sito della Paizo è inoltre disponibile una versione Deluxe del volumone anniversario, con copertina in pelle e inserti metallici a ricordare il simbolo runico che accompagna tutta la saga.

Da puntualizzare che per la versione italiana non è prevista la traduzione della guida del giocatore alla saga, disponibile gratuitamente sul sito Paizo ma in inglese. Sarebbe stato utile avere la guida per la creazione di personaggi originari di Sandpoint o almeno con legami con l’ambientazione della saga. Il giudizio rimane comunque positivo soprattutto perché almeno questa saga trova finalmente spazio in Italia e probabilmente le vendite del volume devono aver soddisfatto  Giochi Uniti dato che quest’anno è stata proposta, nello stesso formato a volumone, una delle saghe più affascinanti di Pathfinder, Kingmaker (tradotta con un azzeccato L’alba dei Re).  Quest’edizione cartonata è del tutto inedita ed esclusiva del mercato italiano.

Per il mercato americano, ma facilmente reperibili in Italia in negozi specializzati, sono inoltre state pubblicate le Pedine\Pawn  dedicate esclusivamente a questa saga. Per circa 20 euro è possibile avere tutte le pedine in cartone che raffigurano i mostri e i PG e PNG principali dell’avventura. Unica pecca è la mancanza di basamenti  in plastica per le pedine (reperibili solo nei Box di Pedine dei vari Bestiari). L’aggiunta delle pedine e dei tabelloni\mappa con quadretti ufficiali, aggiungono spessore alla saga, ma non dimentichiamo che sono tutti orpelli decisamente superflui.

Un tempo bastava una matita e una gomma per entrare in un mondo di avventura…………….Immagine

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 dicembre 2013 in Giochi di Ruolo

 

Tag: